Sintomi, cause ed effetti dello stress

Che cos'è lo stress?

Lo stress è la risposta che il nostro organismo deve dare agli stimoli  esterni o interni per adattarsi al cambiamento e mantenere inalterato il proprio equilibrio.

Gli eventi stressanti  (stressor) possono essere sia positivi (matrimonio, nascita di un figlio, una promozione lavorativa, etc.) che negativi (un lutto, una malattia,etc.).

L’organismo  davanti ad una nuova situazione entra in uno stato di allerta  e  parte delle energie vengono destinate per fronteggiare la situazione che causa lo stress. Se  l'organismo non è in grado di fronteggiare tali situazioni le difese vengono meno e si sviluppa una situazione di disagio con conseguenti disturbi fisici e psichici anche rilevanti.

 

Alcuni sintomi dello stress

  • stanchezza generale,
  • accelerazione del battito cardiaco,
  • difficoltà a respirare
  • ipertensione
  • difficoltà di concentrazione,
  • attacchi di panico,
  • crisi di pianto,
  • depressione,
  • disturbi del sonno,
  • dolori muscolari,
  • tic
  • diarrea,
  • crampi allo stomaco,
  • colite,
  • malfunzionamento della tiroide,
  • abbassamento delle difese del sistema immhunitario,
  • difficoltà ad esprimersi,
  • frequente bisogno di urinare,
  • iperattività,
  • confusione mentale,
  • irritabilità,
  • diabete,
  • emicrania, cefalea,
  • sudorazione eccessiva,
  • problemi sessuali

Quali sono le cause dello stress?

 

Molte possono essere le condizioni e le esperienze che possiamo indicare come fattori di stress: dalla morte di una persona cara, alla bocciatura ad un esame, all’ambiente di lavoro conflittuale, ma ognuno di noi reagisce in modo molto diverso in tutte queste situazioni, perché lo stesso evento non produce lo stesso livello di stress nelle persone. Infatti è il modo soggettivo con il quale noi percepiamo l’ambiente o la situazione, il significato che assume per noi e la nostra reazione emotiva a connotare o meno la presenza di uno stimolo stressante.

Possiamo affermare che lo stress è causato dalla percezione soggettiva che quanto ci viene richiesto in una data situazione è superiore alle nostre capacità e risorse.

 

Quali sono gli effetti dello stress?


La reazione di stress non è necessariamente dannosa, anzi è una condizione utile e adattiva, caratteristica della vita, infatti molte situazioni “piacevoli” possono causare stress (ad es. il matrimonio, l’attività sportiva), può diventare nociva per il nostro organismo ed essere causa di patologie se gli stimoli stressanti sono particolarmente intensi e si protraggono a lungo nel tempo.

Gli effetti negativi dello stress possono essere molti ed oggi è ormai condivisa la visione secondo cui qualsiasi malattia organica può essere influenzata da fattori psicologici, come lo stress, al contrario di quanto si riteneva in precedenza, cioè che solo un determinato gruppo di malattie, note come disturbi psicosomatici (ad es. ipertensione, gastrite, cefalea, asma), potessero essere causate o aggravate da fattori psicologici.

Le reazioni di stress possono influenzare in vari modi i nostri sistemi corporei: il sistema nervoso autonomo, i livelli ormonali e l’attività cerebrale. Ad oggi la relazione fra stress sistema immunitario è l’oggetto di maggior interesse, ed è stato dimostrato che molte situazioni fonti di stress (come la perdita del lavoro, difficoltà coniugali, esami universitari, subire un lutto) producono modificazioni nel sistema immunitario.

Secondo alcuni autori ogni persona manifesta delle reazioni diverse allo stress e il suo apparato di organi più sensibile ha maggiore probabilità di diventare la sede di un successiva patologia.
 

Rimedi contro lo stress

Lo stress è una caratteristica della vita e non può essere eliminato ma si possono acquisire  modalità di gestione dello stress.

Può essere utile intraprendere un percorso di psicoterapia per modificare i pensieri generati dall'evento stressante e le modalità disfunzionali di far fronte all'evento stressante.

Inoltre si possono apprendere tecniche di rilassamento per la gestione dello stress e nei casi di sofferenza acuta può essere utile un supporto farmacologico.

 

Che cosa fare?

  • Limitare le situazioni stressanti, 
  • Cominciare a dire di no quando non si ha voglia di fare qualcosa. 
  • Dedicarsi appena è possibile a qualcosa che piace veramente e che diverte, se
  • Concedersi delle pause
  • mangiare lentamente assaporando il cibo, guardarsi intorno mentre si cammina, etc.
  • Cercare di avere uno stile di vita regolare
  • Andare a letto presto e al solito orario
  • Fare esercizio fisico  


A cura di: Lisa Cecchi, Gitana Giorgi, Alessandro Rotondo e Ciro Conversano

Informazioni aggiuntive