Disturbi dell'Apprendimento

CHE COSA SONO I DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO

 

Il termine Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) indica una serie di difficoltà di apprendimento che bambini normalmente scolarizzati possono presentare in ambito scolastico, patologie neurologiche, disturbi sensoriali, disturbi psicopatologici maggiori, ritardo mentale, grave svantaggio socio-culturale.

Il disturbo può interessare l’apprendimento:

  • della lettura (dislessia),
  • della scrittura (disortografia),
  • del calcolo (discalculia).

Inoltre i problemi di apprendimento interferiscono in modo significativo con i risultati scolastici e con le attività della vita quotidiana.

 

 

COME SI MANIIFESTA LA DISLESSIA      

 

dislessia

Con il termine dislessia viene identificata la difficoltà di apprendimento della lettura in bambini normalmente scolarizzati, di intelligenza normale, in assenza di deficit sensoriali. La capacità di lettura dunque è inferiore rispetto a quanto previsto per l’età, il livello di intelligenza e l’istruzione ricevuta.

Le difficoltà della lettura del bambino si possono notare con l’inizio della scuola elementare; esse sono inizialmente rappresentate da:

  • lettura poco fluente
  • molti errori nella lettura
    • Incapacità di distinguere lettere simili per la forma (m e n; b e d; b e p) o per il suono (d e t; b e p);
    • Inversione di lettere nell’ambito di una sillaba (lad per dal; id per di);
    • Omissione di lettere o sillabe nell’ambito di una parola (doni per domani);
    • Errori di anticipazione cioè una parole letta al posto di un’altra (auto al posto di aereo).
  • alcune volte il bambino sembra non ricordare o comprendere quello che legge
  • spesso il bambino commette errori anche quando scrive
  • scrive in modo poco comprensibile
  • si distrae facilmente
  • spesso ha difficoltà in aritmetica

COME SI MANIIFESTA LA DISORTOGRAFIA 

 

disgrafia

 

Le difficoltà nell’apprendimento della scrittura si possono riscontrare associate alla dislessia. I disturbi della scrittura si manifestano sia nel dettato sia nella composizione libera.

 

Nel dettato si possono osservare:

-         inversioni,

-         trasformazioni

-         omissioni o aggiunte di lettere o sillabe

-         errori di doppie, h, fusione di parole

 

Nella composizione libera si possono riscontrare:

-         brevità del testo,

-         povertà del vocabolario,

-         inadeguata strutturazione della frase,

-         errori grammaticali e della punteggiatura.

 

COME SI MANIIFESTA LA DISCALCULIA  

 

discalculia

Le difficoltà di apprendimento dell’aritmetica riguardano la capacità di risolvere operazioni anche su piccole quantità, con la necessità di aiutarsi con le dita. L’acquisizione del concetto di numero risulta difficile, così come la capacità di scriverlo correttamente  e di effettuare anche semplici operazioni.

Si riscontrano anche difficoltà nella risoluzione di problemi, anche quando le quattro operazioni sono state apprese.

 

DISTURBI ASSOCIATI

 

 

Il bambino con disturbi specifici dell’apprendimento manifesta spesso anche disagi psicologici conseguenti ai vissuti delle proprie difficoltà di apprendimento, poiché è il primo a percepire la propria difficoltà senza però riuscire a darsi una spiegazione e tutto ciò ha ripercussioni negative:

-         sulla formazione della sua personalità,

-         il senso di autoefficacia,

-         il livello di autostima,

-         l’immagine che il bambino ha di sé,

-         le sue motivazioni,

-         la maturità relazionale.

 

Inoltre si possono osservare disturbi emotivi come ansia, insicurezza, labilità emotiva, tic, enuresi e fobie.

 

QUALI SONO LE CAUSE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO

 

  • L’origine dei disturbi dell’apprendimento sembra risalire a ragioni organiche, una base genetica e biologica  dà la predisposizione al disturbo.
  • Tuttavia non si può senz’altro escludere che tale disturbo deve sempre essere inserito nel contesto in cui si è sviluppato, perciò l’ambiente familiare e socioculturale contribuisce in modo significativo nell’ampliare o contenere tale disturbo.

COME SI CURA

 

Diventa molto importante la precocità dell’intervento, dunque una diagnosi tempestiva, che non può essere effettuata sulla base della semplice constatazione di un basso rendimento scolastico, ma deve tener conto di tutto il funzionamento del bambino, le capacità cognitive, abilità prussiche e spaziali, la memoria, il linguaggio e gli apprendimenti. Inoltre è importante considerare gli aspetti psicologici. Dunque è opportuno un collegamento tra lo psicologo e il neuropsichiatria che fanno la diagnosi e gli insegnanti e i genitori.

Il trattamento deve essere sia logopedico che neuropsicologico.

Inoltre è opportuno tenere presente che da tali disturbi non si “guarisce”, in quanto dipendono da fattori congeniti non modificabili, ma tuttavia, in misura dipendente dalla gravità del deficit, si possono ridurre con adeguati interventi abilitativi e corrette procedure educative.

In generale lo scopo di un trattamento rivolto ad un bambino con DSA include diversi aspetti quali:

  1. favorire la migliore evoluzione delle competenze,
  2. fornire strumenti e strategie per poter apprendere attraverso "strade alternative a quella deficitaria"
  3. imparare a gestire nel modo migliore la situazione di difficoltà
  4. evitare che si sviluppino altre forme di disagio.

 

 

psicoterapia_bambiniL’intervento psicologico individualeverte all’insegnamento di tecniche di riabilitazione cognitiva (come l’apprendimento senza errori), training centrati sui deficit, programmi di  autoistruzione, automonitoraggio e aurinforzamento (dove il bambino impara a valutare da solo quanto ha capito di un testo etrarre soddisfazione dal fatto che la sua comprensione è migliorata). Inoltre diventa importante implementare i livelli di autostima e autoefficacia del bambino ed eventualmente anche strategie di gestione dell’ansia.

 

Il parent training,permette di coinvolgere i genitori nel processo educativo, riabilitativo e psicoterapeutico del figlio ed è volto a migliorare il clima in famiglia, a ridurre il rischio di complicanze emozionali e di altri problemi psicologici del bambino.


Il parent training permette ai genitori di:

  • imparare a comprendere il problema del figlio
  • imparare ad affrontare il problema con strategie più adeguateParents-training
  • modificare l’atteggiamento verso il problema del figlio
  • lavorare sul senso di colpa trasformandolo in consapevolezza
  • lavorare sul loro senso di autoefficacia e sugli aspetti emotivi-relazionali.

 

COME AIUTARE UN BAMBINO CON DIATURBO SPECIFICO DELL’APPRENDIMENTO

 

 

Si possono utilizzare una serie di misure compensative come ad esempio:

 

-         tabella dei mesi, tabella dell'alfabeto e dei vari caratteri,

-         tavola pitagorica,

-         tabella delle misure, tabelle delle formule,

-         calcolatrice,

-         registratore,

-         cartine geografiche e  storiche

-         computers, cassette registrate

-         dizionari di lingua straniera computerizzati, tabelle,

 

Inoltre possono essere utilizzate anche misure dispensative, come:

 

-         lettura a voce alta,

-         tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio,

-         organizzazione di interrogazioni programmate

-         assegnazione di compiti a casa in misura ridotta


A cura di: Gitana Giorgi, Lisa Cecchi, Alessandro Rotondo e Ciro Conversano

 

Informazioni aggiuntive